QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GROSSETO
Oggi 10° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News maremma, Cronaca, Sport, Notizie Locali maremma
giovedì 12 dicembre 2019

Cronaca lunedì 02 novembre 2015 ore 11:49

Maxi sequestri di prodotti illegali

97 interventi di anticontraffazione hanno portato alla denuncia all'autorità giudiziaria di 93 persone ed al sequestro di oltre 113mila prodotti



GROSSETO — Sono stati sequestrati dalla guardia di finanza oltre 113mila prodotti illegali (perché contraffatti, piratati, pericolosi o recanti falsa o fallace indicazioni di origine o provenienza), per un valore stimato di oltre 1.000.000 di euro.

Il rafforzamento dei controlli, che ha riguardato i centri urbani e le località balneari, in particolare le spiagge più frequentate, ma anche i luoghi dove alta è la concentrazione di persone sia nelle ore diurne che serali, come nel caso delle stazioni ferroviarie, dei mercati settimanali e degli spazi adiacenti ai centri commerciali, è stato finalizzato a contrastare anche altri fenomeni di illiceità economica e comune, in particolare lo spaccio ed il consumo di sostanze stupefacenti.

In questo contesto, di particolare rilevanza nel contrasto al fenomeno sono state due distinte e più complesse operazioni di servizio, che hanno portato le fiamme gialle oltre i confini della provincia di Grosseto dove sono stati sequestrati 70mila pezzi griffati contraffatti.

In un'indagine iniziata in seguito ad un sequestro effettuato nella zona sud della provincia, i finanzieri di Orbetello hanno sequestrato 34mila confezioni e flaconi di profumo riportanti il nome e logo di varie marche, per un valore commerciale di circa 85mila euro.

L'operazione è iniziata a luglio a seguito di un primo sequestro di circa un centinaio di pezzi, effettuato presso un esercizio commerciale dalle fiamme gialle orbetellane. I successivi approfondimenti investigativi, sviluppati con il coordinamento della Procura della Repubblica di Grosseto hanno consentito di individuare nella vicina provincia di Viterbo l'intera filiera di commercializzazione dei prodotti contraffatti, fino all'individuazione del deposito principale in uso al concessionario dedito allo smercio, dove è scattata la perquisizione ed il sequestro di numerosi beni con marchio contraffatto.

I profumi falsificati, ed in particolare le confezioni che li contenevano, mettevano ben in mostra il marchio contraffatto, traendo facilmente in inganno il consumatore meno esperto.

In un'altra operazione condotta dalla compagnia di Grosseto, sono stati sequestrati circa 36mila capi di abbigliamento ed accessori, fra foulard e portachiavi riportanti una griffe nota a livello internazionale, per un valore commerciale di oltre 230mila euro.

Successivi approfondimenti hanno consentito di individuare una parte consistente della filiera di vendita, fino al blitz nei confronti del fornitore operante in provincia di Firenze, eseguito nello stesso giorno. I rappresentanti legali delle società distributrici all'ingrosso dei prodotti contraffatti, nonché i due commercianti al dettaglio, sono stati denunciati per reati contro la fede pubblica. 

Proseguono le indagini dalle fiamme gialle per individuare altri collegamenti con le reti di vendita scoperte.



Tag

Mes, Lucidi annuncia voto in dissenso, contestato dalla ex-M5s Nugnes e dai compagni di gruppo

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità