comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GROSSETO
Oggi 21°28° 
Domani 21°32° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News maremma, Cronaca, Sport, Notizie Locali maremma
sabato 11 luglio 2020
corriere tv
Francesco Bellomo, magistrato destituito perché pretendeva minigonna per le allieve, fa ancora lezione tra le proteste degli allievi che gli gridano «vergogna»

Cronaca lunedì 16 marzo 2015 ore 08:00

"Le ricerche di Proia devono continuare"

Lo afferma ​Penelope Toscana, Associazione Nazionale delle Famiglie e degli amici delle persone scomparse, in una lettera al prefetto e sindaco



FOLLONICA — La lettera è firmata dal presidente Nicodemo Gentile, “che da anni sostiene ed aiuta i familiari – si legge, tra l’altro, nella raccomandata - e amici, intende riportare l’attenzione sulla scomparsa di Antonio Proia, avvenuta a novembre 2013 nelle macchie di Follonica. Dopo essersi interfacciati con il Comitato Pro Antonio Proia – continua Gentile – con cui siamo in costante contatto, è residua ancora l’indubbia necessità di svolgere e / o riattivare le ricerche al fine di ritrovare il medesimo”.

Il rappresentante di Penelope Toscana asserisce quindi di “aver avuto l’onore di collaborare con le prefetture, anche di Grosseto e Firenze, al fine di arginare il fenomeno della scomparsa, che, ad oggi, costituisce un’allarmante problematica determinando, per l’appunto, la necessità di un intervento delle istituzioni, si è convenuto che la ricerca diffusa e reiterata, costituisca uno degli strumenti operativi più importanti per la soluzione di casi come questo in parola”.

Penelope Toscana, famiglia Proia e Comitato, appositamente interpellati, sono concordi nell’ affermare come, la prefettura di Grosseto, il sindaco di Follonica, Protezione Civile, Carabinieri, Polizia,Vigili del Fuoco, associazioni di vario tipo locali e regionali, semplici cittadini, hanno dato preziosa e generosa collaborazione nella ricerca di Proia, e, devono essere ringraziate per quanto è stato finora fatto.

“Le azioni effettuate nel 2013 e quella del 2014 – sono i pensieri in chiusura di Nicodemo Gentile – non hanno sortito ancora effetti concreti per cui, supportando, così, ulteriormente i familiari in questo percorso difficile e doloroso, si continui a ragionare in ordine alla riattivazione di un nuovo ciclo di ricerche”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità