Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:45 METEO:GROSSETO18°29°  QuiNews.net
Qui News maremma, Cronaca, Sport, Notizie Locali maremma
domenica 20 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Fiola, l'assurda esultanza al gol contro la Francia: spacca un computer davanti a una donna spaventata

Toscani in TV martedì 11 maggio 2021 ore 13:46

Il podere della famiglia Fiori a Geo

Emigrati dall’Amiata alla Maremma, la storia della famiglia Fiori, una delle tante che hanno costruito la loro fortuna con il duro lavoro della terra



GROSSETO — Correva l’anno 1954 quando i genitori del signor Fiori emigrò dalle alture del Monte Amiata alle vaste pianure della Maremma. E’ lui a raccontarlo nel servizio di Roberto Bicicchi, andato in onda per Geo, il programma di Rai2 dedicato all’ambiente e alla sua relazione armonica con l’uomo.

Furono molte le famiglie che nel dopoguerra approfittarono della Riforma Agraria che ridistribuì la proprietà dei vasti latifondi maremmani attraverso un'espropriazione forzata degli stessi, ai coltivatori privi di terra sotto forma di poderi. Si trattava di famiglie povere di braccianti, del Veneto, della piana del Fucino in Abruzzo, delle colline marchigiane o come nel caso della Famiglia Fiori, anche della Toscana che divennero padroni del Podere San Giovanni n.311.

“Finalmente siamo a casa nostra”, così dissero i genitori del signor Fiori quando da coraggiosi pionieri ottennero finalmente la terra con cui campare e un tetto sulla testa sotto cui poter crescere una famiglia. Il giorno della consegna del podere rappresentava il momento del cambiamento di stato, di acquisizione non solo di una stabilità ma anche della dignità e del futuro. Un’opportunità di vita che è cresciuta nei decenni con il piccolo della famiglia che ora è nonno e siamo arrivati alla quarta generazione dei Fiori. Tutta la famiglia lavora nelle attività legate al podere, con la coltivazione nella terra, con l’allevamento di animali tra cui vacche e cavalli maremmani e con le arnie per il miele. E’ Andrea, nipote del signor Fiori a gestire il bestiame come già fece a sua volta il nonno quando ricevette i capi dall’Ente Maremma gestore della Riforma. Lavoro nei campi e cura degli animali scandiscono le giornate del podere e di chi da quasi un secolo gli dedica la propria vita plasmando il territorio e rendendolo come nel caso della Maremma uno dei distretti agricoli più importanti della Regione.

Elisa Cosci
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il virus continua a circolare in maniera diffusa sul territorio provinciale. Ecco nel dettaglio tutti i dati territoriali relativi alle ultime 24 ore
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS

Attualità