QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GROSSETO
Oggi 12° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News maremma, Cronaca, Sport, Notizie Locali maremma
sabato 18 gennaio 2020

Cronaca lunedì 30 giugno 2014 ore 18:11

Concordia: il generatore ko per sovraccarico

Il Consiglio dei ministri deve decidere se approvare la proposta di trasferimento a Genova del relitto. Al processo si discute delle nuove perizie



GROSSETO — Il malfunzionamento del generatore diesel d’emergenza della Costa Concordia la sera del naufragio del 13 gennaio 2012 “è stato determinato da un sovraccarico che è sopravvenuto appena è entrato in linea. I motivi che hanno portato a tale sovraccarico non sono ad oggi univocamente determinabili”. 

Questo è quanto concludono i periti del tribunale di Grosseto nella perizia supplementare sul generatore d’emergenza, rispondendo a uno dei quesiti. La nuova perizia è il tema con cui il processo è ripreso oggi a Grosseto.

Presente in aula, al Teatro Moderno di Grosseto, anche oggi l'imputato Francesco Schettino.

Il malfunzionamento del generatore d’emergenza, sostengono i periti, “non ha avuto alcuna influenza sulla manovrabilità della nave a causa dell’inefficacia dei timoni sui non arrivava nessun flusso di acqua”, per quanto riguarda l’uso delle pompe di emergenza “vista l’ampiezza dell’allagamento nessun mezzo sarebbe stato adeguato allo scopo” e riguardo all’illuminazione della nave “si può affermare che non vi era nessuna parte di essa collegata direttamente alla linea di alimentazione di emergenza e quindi non ha avuto nessun conseguenza sull’illuminazione di emergenza della nave”. 

Nella perizia – che si basa sui sopralluoghi fatti a bordo del relitto il 23 gennaio e il 27 febbraio scorsi al Giglio – il malfunzionamento è riferito in particolare al “suo rallentamento” e all’”abbassamento della tensione prodotta”.

Sui motivi del sovraccarico i periti del tribunale ritengono che le “cause più probabili possono essere individuate nell’ alimentazione contemporanea di un numero di utenze non previsto in fase di progetto e un uso improprio della modalità di contro-alimentazione del quadro elettrico generale  in presenza di locali completamente allagati”. 

A determinare il sovraccarico, secondo i periti, “un ruolo determinante è stato ricoperto dal contemporaneo avvio di almeno 15 ascensori ” della nave che hanno provocato “un sovraccarico non eccessivamente gravoso, ma prolungato nel tempo”. Tutto ciò “ha determinato un funzionamento anomalo del Dge che ha portato in breve tempo al blocco della ventola di raffreddamento del radiatore e al conseguente surriscaldamento del motore del Dge, nonchè al successivo arresto per protezione da alta temperatura di acqua di raffreddamento”.

I periti, confermando indirettamente i racconti dei marittimi della Concordia già sentiti in aula come testimoni, hanno constatato che “il personale intervenuto per cercare di ripristinare l’alimentazione di emergenza ha operato in modo non convenzionale (chiusura forzata dell’interruttore 901 mediante cacciavite).



Tag

Boschi: «Sono tornata single ma ci vogliamo bene»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità