QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GROSSETO
Oggi 14° 
Domani 11° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News maremma, Cronaca, Sport, Notizie Locali maremma
lunedì 09 dicembre 2019

Politica domenica 12 giugno 2016 ore 15:12

"Gli ibridi dovrebbero essere rimossi"

Gli attacchi dei lupi in Maremma hanno avuto notevoli ripercussioni per gli allevatori. Nessuno auspica una mattanza, ma sembrarebbe l'unica soluzione



MANCIANO — Il Meetup Manciano 5 Stelle interviene sul tema dei predatori e degli attacchi alle greggi fornendo numeri, problematiche e possibili soluzioni. 

Alla base del problema ci sarebbero gli ibridi che "non sono formalmente protetti e, rappresentando una minaccia per la conservazione del lupo, dovrebbero essere prontamente rimossi". Per quanto riguarda i lupi, invece, i 5 Stelle hanno proposto il controllo del numero, la cattura e il ricovero in centri autorizzati.

La situazione è considerata una vera e propria emergenza se si pensa che nel 2015 il caseificio sociale di Manciano, stando ai dati riportati dal Meetup, ha subito un decremento del latte conferito dai soci superiore al 30 per cento dal momento cha ha perso 12 unità lavorative e negli ultimi 3 anni hanno chiuso circa 50 aziende. 

"Pensiamo che 2000 predazioni censite per l’anno 2015 e già 540 per l’anno 2016 in Toscana, prevalentemente nel nostro territorio, costituiscano un evento calamitoso (le 2000 predazioni vanno riferite a 100.000 capi toscani e non all’intero patrimonio Nazionale), - ha detto il Meetup - e come tale debba essere affrontato".

"Il ministero dell’Agricoltura e la Regione Toscana devono farsi carico della situazione anche per evitare che la gestione dei predatori sia affidata agli stessi soggetti che hanno contribuito a creare il problema, intascandosi per di più decine di milioni di euro. - hanno aggiunto - Sono necessari provvedimenti che consentano il reale e tempestivo risarcimento del danno e un effettivo controllo dei predatori sul territorio".

Per il Meetup di Manciano sembrano inutili le soluzioni proposte quali un guardiano, una muta di cani e una recinzione. Tantomeno l'alternativa al pascolo libero. "Nessuno qui auspica una mattanza dei lupi. - ha concluso - Ma riteniamo che l’opinione pubblica risenta di una rappresentazione volutamente falsata della realtà".



Segre e Mattarella alla Prima della Scala di Milano

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca