QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GROSSETO
Oggi 18°21° 
Domani 15°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News maremma, Cronaca, Sport, Notizie Locali maremma
domenica 22 settembre 2019

Cronaca venerdì 27 giugno 2014 ore 14:30

Concordia, Gabrielli al Giglio: "Nave via entro il 20 luglio"

Incontro tra la popolazione e il capo della Protezione civile Gabrielli sullo stato di avanzamento dei lavori per la rimozione della Costa Concordia



ISOLA DEL GIGLIO — "Non può sopportare un altro inverno. Deve andare via il prima possibile". Così il Commissario per l’emergenza della Costa Concordia, Prefetto Franco Gabrielli ai cittadini del Giglio che ha incontrato ieri pomeriggio. 

"Oggi siamo in grado, quando avremo il via libera del Consiglio dei ministri e dell’Osservatorio, di rimuovere la nave entro il 20 di luglio" ha aggiunto Gabrielli precisando che "questa nave un altro inverno non lo può sopportare.

"Per noi la priorità è che la nave se ne vada prima possibile - ha detto il sindaco del Giglio, Sergio Ortelli - "Per questo in conferenza dei servizi abbiamo dato parere favorevole ponendo sempre al primo posto la riduzione dell’impatto sociale ed economico di questa brutta vicenda sulla nostra isola".

Le operazioni del rigalleggiamento sono suddivisibili in quattro fasi – ha detto  Franco Porcellacchia responsabile del progetto di rimozione di Costa Crociere  – nella prima ci sarà un rigalleggiamento parziale e lo spostamento del relitto. Nel primo giorno, il relitto verrà rigalleggiato di circa 2 metri dalle piattaforme e spostato con l’ausilio di rimorchiatori di circa 30 metri verso Est. Questa fase durerà circa 6 ore, durante le quali proporremo di sospendere il traffico marittimo (e dunque anche dei traghetti) intorno alla nave. Al termine di questa operazione – ha proseguito Porcellacchia – il relitto sarà ormeggiato in sicurezza e tenuto in posizione da punti di ancoraggio fissi e dai rimorchiatori e il traffico potrà riprendere normalmente".

"Sarà effettuato il collegamento e tensionamento delle catene e dei cavi e messa in posizione definitiva dei cassoni sul lato di dritta. Questa fase durerà circa 2 giorni - ha spiegato Porcellacchia - Si dovranno collegare le ultime 4 catene mancanti e 7 cavi di collegamento dei cassoni sul lato dritto e abbassare”alcuni cassoni nella loro posizione definitiva. Nella terza fase avverrà il rigalleggiamento vero e proprio. L’espulsione dell’acqua dai cassoni avverrà step by step, un ponte alla volta a partire dal ponte 6 progressivamente fino al ponte 3, fino a raggiungere la posizione finale di rigalleggiamento. Si arriverà così alla manovra finale di partenza. In quella giornata le attività inizieranno dopo l’arrivo del primo traghetto da porto Santo Stefano, intorno alle 8.30 e chiederemo anche per quella giornata la sospensione della navigazione. Verranno quindi collegati i rimorchiatori e si avvieranno i controlli e le manovre per la partenza del convoglio".



Tag

Virginia Saba, la fidanzata di Di Maio, ai giornalisti: «Ad agosto dovevate riposare, non lavorare»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità