QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GROSSETO
Oggi 17°31° 
Domani 14°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News maremma, Cronaca, Sport, Notizie Locali maremma
martedì 18 giugno 2019

Attualità sabato 21 febbraio 2015 ore 17:18

Tirrenica: "sia revocata la concessione alla Sat"

NoSat: "l’attuale blocco del progetto è un occasione per valutare cosa serva effettivamente da Livorno a Grosseto passando per Piombino"



ROSIGNANO MARITTIMO — Il coordinamento territoriale NoSat esprime "piena soddisfazione" per la posizione unanime del consiglio comunale aperto di Follonica svoltosi ieri 20 febbraio e si augura che questa posizione "possa essere condivisa al più presto da tutti i comuni della bassa Val di Cecina e del territorio". 

La mozione, rivolta a tutte le istituzioni locali e che a Follonica ha riunito tutte le forze politica da destra a sinistra, secondo il comitato contro l'autostrada tirrenica "racchiude la sintesi del perché l’attuale progetto autostradale di SAT sia inaccettabile e irricevibile per le comunità locali". "Dal furto della pubblica Variante Aurelia - scrivono - alla dichiarazione che le opere complanari sarebbero in 'concorrenza' con l’Autostrada e quindi non si fanno; dal pedaggio tra i più cari d’Europa con i 0,18 euro al chilometro come abbiamo modo di sperimentare al casello di Rosignano, all'assenza di una viabilità alternativa adeguata che costringerebbe il traffico locale a riversarsi sulla vecchia Aurelia incrementando il rischio di incidenti stradali compresi quelli mortali; per finire con l'assenza di uno studio sull'impatto socio economico dell'opera come anche di uno straccio di dato scientifico che comprovi l'utilità della stessa per l'economia locale".

"A tutto questo - prosegue la nota di Coordinamento Territoriale NoSat Nodo Val di Cecina - nei Comuni del nostro territorio, aggiungiamo l'assurdo casello di Rosignano, una gabella da 60 centesimi e trappola strozzatura per confondere gli automobilisti che si ritrovano senza accorgersene in un autostrada a pedaggio".

I punti importanti da cui ripartire secondo il comitato sono "la revoca della concessione a SAT, la manutenzione della Variante da parte di Anas, e l'eliminazione del casello-daziario di Rosignano, atto da noi richiesto già un anno fa in occasione del pubblico confronto tra i candidati a Sindaco di Cecina e che ci auguriamo il Sindaco Lippi voglia ratificare al più presto". 

"L’attuale blocco del progetto annunciato da Sat è un occasione per coinvolgere tutto il territorio, a partire dai Sindaci, nella valutazione di cosa serva effettivamente da Livorno a Grosseto passando per Piombino - concludono - per una viabilità che guardi al futuro e non al passato e con un chiaro elenco delle opere prioritarie oltre a ribadire che le pubbliche opere, grandi o piccole, devono tutelare prima di tutti i cittadini e la loro sicurezza e non i soli interessi dei grandi gruppi finanziari".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità