Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:53 METEO:GROSSETO12°  QuiNews.net
Qui News maremma, Cronaca, Sport, Notizie Locali maremma
giovedì 02 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Caso Cospito, in Senato scoppia la bagarre per le parole di Balboni (FdI). Il Pd lascia l'aula per protesta

Attualità giovedì 24 novembre 2022 ore 18:17

Dai cantucci al nodino, 464 cibi toscani d'eccellenza

cantuccini
I cantuccini di Prato sono fra le specialità censite

Il censimento 2022 delle specialità dell'agroalimentare tradizionale proietta la Toscana al secondo posto in Italia per tesori della tavola



TOSCANA — Sono specialità ottenute secondo le regole tradizionali protratte nel tempo per almeno 25 anni, e in Toscana sono ben 464: sono le specialità dell'agroalimentare tradizionale registrati nel censimento 2022 realizzato da Coldiretti e che proiettano la Toscana al secondo posto a livello nazionale per quantità di cibi censiti.

Dalla bistecca alla fiorentina al nodino di Montopoli, dal pecorino delle colline senesi ai cantuccini di Prato. Ed ancora la gemma d’abeto, il liquore dolce in via di estinzione, alla pera del curato toscano, al fagiolo serpente toscano, la pattuglia dei tesori Made in Tuscany è stata presentata a Roma - assieme a quelle dell'intero Stivale - in occasione dell’inaugurazione del XX Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione.

Una mappa dei sapori, della tradizione e della cultura della tavola toscana che quanto a tipologie vede nei primi tre posti del podio ortaggi e frutta (194), la squadra di pane, paste e dolci (121) ed il gruppo delle specialità a base di carni fresche ed insaccati (81), seguiti dai formaggi (34) ed altri prodotti di origine animale come il miele, propoli e pappa reale (11), ma non mancano i prodotti della pesca (10), bevande analcoliche, distillati, liquori e birre (8) ed infine olii e burro (3) e condimenti (2) in un viaggio del gusto che tocca anche gli angoli più diversi della regione. 

Piccoli borghi protagonisti: è qui che nasce il 92% delle produzioni tipiche a livello regionale, certo, ma anche nazionale, con un patrimonio che spinge a tavola 1/3 della spesa turistica. 

Il primato del Made in Tuscany, ricorda Coldiretti, è confermato anche dall’ultimo rapporto Ismea - Qualivita, secondo cui il valore dell’agroalimentare dei prodotti a denominazione supera il miliardo di euro. Per la precisione 1.361 milioni di euro nel 2021 (+18,6% sul 2020). La prima provincia in Toscana per impatto economico è Siena (676 milioni), seguita da Firenze (273 milioni), Grosseto (121 milioni), Arezzo (96 milioni), Livorno (63 milioni) e Pisa (59 milioni).


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Drammatico il bollettino dei decessi che registra 14 morti in 6 province toscane. Stabili i pazienti in terapia intensiva, calano i ricoveri ordinari
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Edit Permay

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità