Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:55 METEO:GROSSETO22°35°  QuiNews.net
Qui News maremma, Cronaca, Sport, Notizie Locali maremma
martedì 16 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La telefonata tra Trump e Robert Kennedy Jr finisce in Rete: vaccini, corteggiamenti (e Biden)
La telefonata tra Trump e Robert Kennedy Jr finisce in Rete: vaccini, corteggiamenti (e Biden)

Attualità giovedì 18 aprile 2024 ore 18:20

Amministratori sotto tiro, 20 intimidazioni in un anno

fascia di sindaco

A livello nazionale la maglia nera del fenomeno spetta alla Calabria, ma la Toscana registra il dato peggiore nel Centro Italia con 12 Comuni colpiti



TOSCANA — Venti atti intimidatori contro amministratori locali in 4 territori provinciali con 12 Comuni coinvolti: è il bilancio 2023 di un fenomeno in espansione che vede gli amministratori pubblici finire nel mirino, destinatari di lettere minatorie, offese, fake news e ingiurie sui social.

A livello nazionale la maglia nera va alla Calabria, ma nel Centro Italia è proprio la Toscana a registrare il dato peggiore nel report "Amministratori sotto tiro" realizzato da Avviso Pubblico e presentato ieri a Roma.

Il rapporto registra 6 atti intimidatori in 4 Comuni della Città metropolitana di Firenze (il capoluogo toscano, Castelfiorentino, Empoli e Gambassi Terme), altrettanti in provincia di Pisa (a Pisa, Capannoli, Casciana Terme Lari e Lajatico), ancora 6 in provincia di Grosseto (a Grosseto e a Follonica) e 2 nel Livornese in altrettanti Comuni ovvero Campiglia e Rosignano Marittimo.

Gli atti intimidatori contro amministratori pubblici in Toscana nel 2023

Gli atti intimidatori contro amministratori pubblici in Toscana nel 2023 (Fonte: Avviso pubblico)

"La Toscana è la regione del Centro-Nord che ha registrato il più alto numero di atti intimidatori verso amministratori locali, stesso numero fatto registrare in Sardegna. Per entrambe - recita il rapporto stilato da Avviso Pubblico - si registra un aumento superiore al 20% dei casi censiti rispetto al 2022".

L'avanzata del fenomeno in Toscana risulta evidente guardando alle serie storiche sugli ultimi 14 anni, che in vetta per il Centro Nord collocano invece la Lombardia: "In 14 anni di raccolta dati Avviso Pubblico ha censito sul territorio nazionale 5.388 atti intimidatori, di minaccia e violenza nei confronti degli amministratori locali e del personale della pubblica amministrazione che lavora in Italia. La media è di 385 intimidazioni l’anno, 32 ogni mese, una al giorno. Le quattro regioni in cui sono nate le cosiddette mafie storiche (Sicilia, Calabria, Campania e Puglia) hanno fatto registrare 3.110 casi dal 2010 al 2023, il 58% del totale nazionale. La prima regione del Centro Nord è la Lombardia (318 casi), seguita da Lazio, Toscana e Veneto", illustra il report.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Per 4 fine settimana si è svolto il raduno fra interventi, video, interviste e musica. Battesimo di 122 nuovi fedeli per immersione totale in acqua
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Attualità