QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GROSSETO
Oggi 18°33° 
Domani 17°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News maremma, Cronaca, Sport, Notizie Locali maremma
domenica 15 settembre 2019

Cronaca mercoledì 17 luglio 2019 ore 18:30

Camilleri e il suo "luogo del cuore" in Toscana

Lo scrittore siciliano è morto a Roma, aveva 93 anni. Dal 2014 era cittadino onorario di Santa Fiora, dove aveva trascorso lunghissimi soggiorni



ROMA — E' morto a 93 anni Andrea Camilleri. Lo scrittore è spirato all'ospedale Santo Spirito di Roma, dove era ricoverato da qualche tempo.

Come spiegato dall'ospedale le sue condizioni si erano aggravate nelle ultime ore, portandolo al decesso. A quanto si è appreso le esequie avverranno in forma riservata, mentre sarà reso noto un posto dove portare un ultimo omaggio, che sia un fiore o più probabilmente un breve scritto, vista la popolarità di Camilleri.

Camilleri negli ultimi tempi era diventato cieco e in un'intervista a Radio Rai aveva confidato che questa cecità gli aveva permesso di "vedere le cose più chiaramente". Aveva anche detto che, ormai 93enne, si era accorto che un certo silenzio si stava facendo strada dentro di sé. Questo silenzio lo stava portando a riflettere su cosa fosse l'eternità.

Pensieri profondi di uno scrittore prolifico, con più di cento libri pubblicati, un trenta per cento dei quali dedicati al personaggio che lui diceva di amare e odiare allo stesso tempo, il commissario Montalbano.

Oltre alla Sicilia e a Roma Camilleri era legatissimo alla Toscana. Dal 1968 infatti trascorse lunghi soggiorni a Bagnolo, frazione di Santa Fiora nel territorio del Monte Amiata. Nel settembre 2014 divenne cittadino onorario del borgo toscano. Lo scrittore parlava di Bagnolo come "luogo del cuore". Tre anni dopo Santa Fiora gli intitolò il Teatro Comunale.

Bello il ricordo del sindaco di Santa Fiora, Federico Balocchi: "Vorrei trattenerti. Non lasciarti andare. Anche se restano i tuoi libri. Sarà un lungo arrivederci perché ogni volta che sfoglierò una pagina sentirò la tua voce e il tuo gentile intercalare. Sono contento di averti visto emozionato quando ti ho consegnato la cittadinanza onoraria di Santa Fiora e quando il nostro teatro ha preso il tuo nome. Ho avuto un privilegio, ho conosciuto un Camilleri speciale, vicino di casa. Ci legava un affetto in comune per l’Amiata e Santa Fiora e condividere qualcosa di così grande rendeva il rapporto più intimo. Mi ha abbracciato due volte e quelle due volte me le ricorderò. Voleva mio tramite, in un gesto, restituire la sua gioia a tutti i suoi concittadini". Balocchi ha anche proclamato il lutto cittadino.

Da tempo Camilleri non scriveva più ma parlava, raccontava, e i suoi discorsi venivano trascritti, diventavano file word e poi libri. I suoi lavori sono stati tradotti in più di trenta lingue. 

Tornando all'Amiata più volte ha spiegato che il suo legame con questa terra nacque in maniera indiretta, nacque grazie a una poesia di Eugenio Montale intitolata, appunto, Notizie dall'Amiata, e che riproponiamo di seguito.


Notizie dall’Amiata 

l fuoco d’artifizio del maltempo

sarà murmure d’arnie a tarda sera.

La stanza ha travature

tarlate ed un sentore di meloni

penetra dall’assito. Le fumate

morbide che risalgono la valle

d’elfi e di funghi fino al cono diafano

della cima m’intorbidano i vetri,

e ti scrivo da qui, da questo tavolo

remoto, dalla cellula di miele

di una sfera lanciata nello spazio

e le gabbie coperte, il focolare

dove i marroni esplodono, le vene

di salnitro e di muffa sono il quadro

dove tra poco romperai. La vita

che t’affabula è ancora troppo breve

se ti contiene! Schiude la tua icona

il fondo luminoso. Fuori piove.

***

E tu seguissi le fragili architetture

annerite dal tempo e dal carbone,

i cortili quadrati che hanno nel mezzo

il pozzo profondissimo; tu seguissi

il volo infagottato degli uccelli

notturni e in fondo al borro l’allucciolio

della galassia, la fascia d’ogni tormento.

Ma il passo che risuona a lungo nell’oscuro

è di chi va solitario e altro non vede

che questo cadere di archi, di ombre e di pieghe.

Le stelle hanno trapunti troppo sottili,

l’occhio del campanile è fermo sulle due ore,

i rampicanti anch’essi sono un’ascesa

di tenebre ed il loro profumo duole amaro.

Ritorna domani più freddo, vento del nord,

spezza le antiche mani dell’arenaria,

sconvolge i libri d’ore nei solai,

e tutto sia lente tranquilla, dominio, prigione

del senso che non dispera! Ritorna più forte

vento di settentrione che rendi care

le catene e suggelli le spore del possibile!

Son troppo strette le strade, gli asini neri

che zoccolano in fila danno scintille,

dal picco nascosto rispondono vampate di magnesio.

Oh il gocciolìo che scende a rilento

dalle casipole buie, il tempo fatto acqua,

il lungo colloquio coi poveri morti, la cenere, il vento,

il vento che tarda, la morte, la morte che vive!

***

Questa rissa cristiana che non ha

se non parole d’ombra e di lamento

che ti porta di me? Meno di quanto

t’ha rapito la gora che s’interra

dolce nella sua chiusa di cemento.

Una ruota di mola, un vecchio tronco,

confini ultimi al mondo. Si disfà

un cumulo di strame: e tarli usciti

a unire la mia veglia al tuo profondo

sonno che li riceve, i porcospini

s’abbeverano ad un filo di pietà.

(Eugenio Montale, “Le Occasioni”, 1951)



Tag

'Chi non salta comunista è', i cori dei giovani della Lega a Pontida mentre parla Salvini

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca