QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GROSSETO
Oggi 12° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News maremma, Cronaca, Sport, Notizie Locali maremma
martedì 10 dicembre 2019

Cronaca mercoledì 14 agosto 2019 ore 18:22

Agguato mortale, il giallo dei messaggi vocali

Al vaglio dei carabinieri alcune frasi in arabo inviate allo zio dal giovane ferito nella sparatoria in cui è stato ucciso il 25enne nel grossetano



GAVORRANO — C'è un nuovo elemento che potrebbe aiutare a far luce sull'omicidio del 25enne nordafricano freddato due giorni fa nella campagna di Gavorrano da un colpo di pistola esploso a distanza ravvicinata. Si tratta di alcuni messaggi vocali in lingua araba che il 18enne, ferito gravemente nello stesso agguato da un secondo proiettile, ha inviato a  uno zio subito dopo la sparatoria. I carabinieri sono in queste ore al lavoro per capire se in quelle frasi registrate sul cellulare ci siano dettagli utili a risalire al killer che, stando a quanto emerso finora, sarebbe uno solo e avrebbe esploso anche un terzo colpo andato a vuoto. 

Il 18enne, in queste ore, è ricoverato in gravissime condizioni in ospedale a Siena dopo l'intervento all'addome e i militari non possono sentirlo. 

Resta in piedi l'ipotesi del regolamento di conti per droga. L'omicidio, infatti, è avvenuto nei pressi di uno dei bivacchi usati dagli spacciatori per nascondersi con la droga e incontrare i clienti. 

Intanto stamattina il sindaco di Gavorrano Andrea Biondi ha partecipato alla riunione del comitato per l'ordine e la sicurezza in prefettura a Grosseto e ha ringraziato le forze dell'ordine per "la sensibilità e la celerità dimostrata". Nella stessa circostanza il comandante provinciale dei carabinieri Carlo Bellotti ha detto che "le indagini sono in corso con il massimo impegno" così come il monitoraggio del fenomeno dello spaccio nell'area in cui si è consumato il delitto. 



Tag

Arrestato Rosario Greco, il pirata della strada che ha ucciso un bimbo e ferito l'altro

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità