QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GROSSETO
Oggi 9° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News maremma, Cronaca, Sport, Notizie Locali maremma
mercoledì 11 dicembre 2019

Attualità giovedì 12 novembre 2015 ore 17:40

Se non puoi pagare le tasse, lavori per il Comune

Roccastrada aderisce alla misura del decreto Sblocca Italia e con il “baratto amministrativo” offre un’occasione alle persone in difficoltà economica



ROCCASTRADA — È stato pubblicato nei giorni scorsi dal Comune di Roccastrada l’avviso pubblico per raccogliere le manifestazioni di interesse da parte di cittadini interessati al “baratto amministrativo”, ovvero saldare i tributi scaduti svolgendo lavori di pubblica utilità, piccole manutenzioni e interventi di decoro urbano.

Gli interessati possono presentare domanda entro il 31 dicembre 2015, secondo i requisiti contenuti nell’avviso, per consentire all’amministrazione comunale di valutare l’importo complessivo da destinare al baratto e il programma degli interventi da attuare attraverso questo strumento.

“La pubblicazione dell’avviso pubblico - spiega il sindaco di Roccastrada, Francesco Limatola - segue l’approvazione del regolamento avvenuta nelle scorse settimane e inizia a dare concretezza allo strumento come forma di sostegno alle fasce deboli della popolazione. Questa opportunità, contenuta nel decreto Sblocca Italia, va ad affiancare altre azioni rivolte a chi sta vivendo, anche sul nostro territorio, una fase di difficoltà socio-economica, a partire dalla cittadinanza attiva e dalla possibilità di avere una riduzione della Tari adottando un cane dal canile comunale”.

Potranno aderire i residenti nel Comune di Roccastrada con un Isee inferiore a 8.500 euro. Nel caso in cui l’importo totale delle richieste sia superiore all’importo complessivo del “baratto amministrativo”, la graduatoria privilegerà le fasce sociali più deboli. Secondo quanto previsto nell’avviso pubblico, inoltre, il destinatario del opererà a titolo di volontariato, senza sostituirsi a operatori pubblici o di altri enti convenzionati con il Comune. 



Tag

Renzo Bossi: «I 49 milioni erano sul conto quando papà se ne andò»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità