QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GROSSETO
Oggi 16°27° 
Domani 17°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News maremma, Cronaca, Sport, Notizie Locali maremma
sabato 21 settembre 2019

Attualità lunedì 09 novembre 2015 ore 11:48

Ecco come sarà l'outlet di Tor del Sale

La conversione della centrale Enel ha suscitato diversi dubbi sulle sorti economiche dei Comuni limitrofi, compreso quello di Follonica



PIOMBINO — In merito alla riqualificazione del sito di Tor del Sale e al futuro delle aree Enel tra Piombino e Follonica, gli incontri con Confesercent, il sindaco di Follonica Andrea Benini e il sindaco di Piombino Massimo Giuliano hanno aperto le porte ad una visione innovativa del territorio sia dal punto di vista ambientale che produttivo. Intanto, il sindaco piombinese Massimo Giuliani interviene per rassicurare sulle modalità di condivisione del progetto con il territorio.
 

“Un’occasione di riconversione in chiave ecologica di un sito industriale, ora fortemente impattante, - spiega il sindaco - che ci consente di recuperare un territorio, orientato anche allo sviluppo turistico, attraverso un interessante progetto di diversificazione produttiva, sostenibile dal punto di vista ambientale”.

Coinvolta nel progetto l’Università di Pisa che si occuperà delle operazioni di bonifica tramite fitodepurazione. Come si prospetta il mall? Legno, vetro, acqua e piante saranno gli elementi che caratterizzeranno il nuovo volto della centrale. L’outlet a grandi marchi sorgerà su una piattaforma di legno secondo i criteri di bioarchitettura e recupero del verde; ad arricchire la proposta anche un centro museale esterno e dei percorsi didattici sull’ambiente.

Come integrare un polo commerciale con il territorio circostante? A spiegarlo è sempre il sindaco Giuliani che vede in questa novità una possibilità per rendere più attrattivo il territorio e la città. “Non a caso – interviene – gli investitori hanno scelto un’area caratterizzata dall’esistenza di centri storici interessanti limitrofi, tra cui quello di Piombino, che possono rappresentare un ulteriore elemento di attrazione per visitare il territorio”.

Non appena saranno forniti ai Comuni coinvolti dettagli più definiti si potrà aprire una discussione condivisa con gli attori del settore economico cittadino. L’obiettivo: calibrare e definire al meglio tutti gli aspetti progettuali, sia per quanto riguarda la bonifica delle aree, sia per la valutazione della ricaduta commerciale ed economica sul territorio.



Tag

«Scendi, non ti voglio più!». Le nuove intercettazioni choc di Bibbiano

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità