QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GROSSETO
Oggi 20°21° 
Domani 16°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News maremma, Cronaca, Sport, Notizie Locali maremma
lunedì 23 settembre 2019

Cultura giovedì 19 marzo 2015 ore 12:00

Magliano a suon di tweet e post

Si terrà a maggio il progetto “Invasioni digitali", un’idea del salernitano Fabrizio Todisco, che sta letteralmente conquistando tutta l'Italia



MAGLIANO — A suon di tweet, post su Facebook, immagini su Instagram e Pinterest i partecipanti fanno scoprire al popolo del web le bellezze di Magliano. Basterà essere muniti di smartphone, tablet e macchina fotografica per raccontare in tempo reale e condividere sui social network bellezze, curiosità, storia e arte tutta italiana. Quello di Magliano sarà un avventuroso itinerario sulle orme dei Templari che prende il via dai ruderi di San Bruzio, un’abbazia medievale spersa nella campagna. Una chiesa in stile romanico, di cui sono arrivati ai giorni nostri parte del transetto, delle absidi e la struttura ottagonale che sorreggeva una cupola maestosa. A ricordarne la grandezza rimane oggi l’immensità del cielo, che si staglia imperioso tra gli elementi architettonici che hanno retto all’incedere dei secoli. E poi le leggende legate a questa chiesa dell’anno Mille avvolta dal mistero, i suoi sotterranei, la presenza – si dice - dei cavalieri Templari, i racconti tra vero e immaginario che abbracciano questo affascinante rudere.

Gli “invasori” si dirigeranno poi verso Magliano, passando poi il torrente Patrignone e la strada romana per poi giungere, infine, in una distesa di olivi, dove pranzare con le migliori prodotti tipici della zona. Tra gli altri luoghi storici che toccherà il gruppo di “invader” ci sono anche il Santuario della Madonna della Salute e - finalmente - il borgo fortificato di Magliano detto anche il paese delle sette chiese, di cui quattro sono ormai scomparse. Sarà un itinerario particolare e avventuroso che porterà i partecipanti a immergersi in tempi lontani, apprezzando anche le bellezze del presente. Un passaggio tra passato e futuro dove – in mezzo – c’è la tecnologia, che aiuta a raccontare, con uno storytelling moderno, il nostro Paese. 

L’appuntamento è per il 1 maggio, alle 11 alla Chiesa di San Bruzio. Un’altra tappa per portare nelle trame della rete la storia degli italiani, dei territori, di paesaggio, arte e cultura. Ci penseranno un’immagine, uno scatto rubato, un pensiero di centoquaranta caratteri, qualche hashtag e l’amore per l’Italia.



Tag

«Grazie al mio staff perché non è facile sopportarmi...», e Meloni scoppia a ridere

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità