QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GROSSETO
Oggi 9° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News maremma, Cronaca, Sport, Notizie Locali maremma
mercoledì 11 dicembre 2019

Attualità venerdì 20 gennaio 2017 ore 15:54

Senza servizi il Comune è spacciato

Da Cgil Grosseto la denuncia a difesa di Gavoranno che dopo le Poste, vedrà scomparire il negozio d'alimentari e la banca



GAVORRANO — Dopo la battaglia contro la chiusura degli uffici postali, a Gavorrano si apre una nuova battaglia dopo le decisioni di Uniccop Tirreno di chiudere il negozio nel centro del paese e di Monte dei Paschi di chiudere la banca.

"Se continuiamo a ragionare nella logica dei grandi numeri, i paesi sono spacciati", con queste parole ha lanciato l'allarme Cgil Grosseto che temono che continuando di questo passo i cittadini troveranno anche il Comune chiuso.

Una preoccupazione che ha spinto Cgil, Cisl e Uil, assieme alle Rsu, a tutelare i lavoratori del pubblico impiego.

"Nonostante da mesi abbiano posto al Comune la questione rappresentando anche lo stato di preoccupazione dei dipendenti che, senza avere alcuna colpa e responsabilità, vivono ogni giorno la difficoltà nel dare risposte adeguate ai cittadini e svolgere serenamente il loro lavoro, da mesi il Comune arranca e la soluzione non è arrivata. Anzi - hanno concluso - ad oggi il problema si è aggravato con la perdita dei due posti a tempo determinato".

Quindi un meno due che si va a sommare ai tanti posti di lavoro persi negli anni e che ad oggi pagano interamente cittadini, che avrebbero diritto alla piena dignità e a servizi adeguati ed i lavoratori che chiedono solo di poter svolgere il proprio lavoro.

CGIL CISL e UIL del pubblico impiego insieme alla RSU continueranno ad incalzare l'amministrazione affinché continui nello sforzo di dare in tempi - ormai strettissimi - soluzione al problema. Riteniamo però che questo non debba e non possa essere solo un problema dell'amministrazione o dei lavoratori rimasti, ma pensiamo possa e debba essere anche di interesse di un'intera comunità che ha pieno diritto ad avere dal proprio Comune lo stesso livello di servizi dei grandi centri e che - per sperare di poter vincere una battaglia contro “colossi” come Poste Italiane, MPS e Unicoop Tirreno deve poter contare su un'istituzione forte e ben strutturata.

In questo la rappresentanza sindacale del pubblico impiego sarà al fianco dell'Amministrazione per qualunque iniziativa – anche forte – il Comune intenda mettere in campo per portare all'attenzione pubblica il livello di criticità dell'ente certi nella mobilitazione del personale e certi di poter contare sul sostegno della cittadinanza tutta.



Tag

Renzo Bossi: «I 49 milioni erano sul conto quando papà se ne andò»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità