QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GROSSETO
Oggi 20°35° 
Domani 19°34° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News maremma, Cronaca, Sport, Notizie Locali maremma
venerdì 29 luglio 2016

Attualità domenica 06 marzo 2016 ore 11:57

Sversamento nel Carsia, nessuna contaminazione

Durante le verifiche effettuate, i tecnici Arpat non hanno notato morie di fauna ittica. Lo svernamento da un impianto per la produzione di biogas

MASSA MARITTIMA — Gli accertamenti tecnici dell'Arpat fanno chiarezza sullo svernamento di liquami nel torrente Carsia segnalato ieri.

In un impianto per la produzione di biogas nel comune di Massa Marittima si è verificato uno sversamento di circa 2000 metri cubi di digestato, nel torrente Carsia che scorre poco distante dall'impianto. Il torrente in questione confluisce a valle nel torrente Bruna che arriva fino al mare, nel comune di Castiglione della Pescaia.

Stando ai primi controlli effettuati dalla Forestale e dall'Arpat, lo svernamento è determinato da una pompa ad immersione per il trasferimento del digestato da una all’altra vasca di stoccaggio, rimasta accesa per cause da determinare. I responsabili dell'impianto hanno provveduto a realizzare un argine per interrompere l’afflusso di digestato nel torrente.

I tecnici dell'Agenzia hanno effettuato diverse campionature per monitorare la situazione del torrente. Hanno anche provveduto a misurare l’ossigeno disciolto nel Carsia, alcuni chilometri a valle dello sversamento dove l’acqua anche se limpida presentava presenza di schiuma. Successivamente nel fiume Bruna, in località Macchiascandona, dove le acque presentavano il colore scuro del digestato. In entrambi i casi la concentrazione di ossigeno si presentava elevata e non indicava rischio di anossia. Anche alla foce del Bruna, le acque non hanno presentato segni di contaminazione.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità